CEDAS Giugno 2024

 


             GIUGNO – Calendario 2024 , I Fotografi del Mercoledì – CEDAS



1-2 GIUGNO : Settima edizione di OPEN HOUSE TORINO

150 porte aperte per l’occasione accolgono i visitatori. Opportunità di scoperta e conoscenza della realtà del territorio … e le sorprese non mancano mai !!



1-2 GIUGNO : INFIORATA del CORPUS DOMINI a SPELLO

Gli spellani addobbano con fiori il percorso del centro storico lavorando tutta la notte.



2 GIUGNO – FESTA della REPUBBLICA ITALIANA che compie 78 anni.

Tanti infatti ne sono passati da quando con un referendum istituzionale, che si svolse tra il 2 e il 3 giugno del 1946, gli italiani vennero chiamati alle urne per decidere quale forma di Stato – monarchia o repubblica – dare al Paese.

Un referendum che ha segnato una doppia svolta epocale: è stata infatti la prima votazione a suffragio universale indetta in Italia, alla quale parteciparono per la prima volta dunque anche le donne. Come tutti sappiamo vinsero i repubblicani e il 18 GIUGNO 1946 la Corte di Cassazione, dopo 85 anni di regno, sancì la nascita della Repubblica italiana.

In realtà i risultati del referendum vengono resi noti la sera del 10 GIUGNO 1946, ma la proclamazione della Repubblica viene rimandata al 18 giugno per le proteste, relative soprattutto alla minima differenza di voti tra chi aveva scelto la Repubblica e chi aveva votato per la monarchia.

 

REPUBBLICA Inno Claudio-Baglioni

Ai Fori Imperiali di fronte alle più alte cariche dello Stato, Claudio Baglioni ha intonato l’Inno di Mameli accompagnato dalla Banda Interforze della Difesa, regalando al pubblico presente nonostante la pioggia un momento davvero commovente e d’effetto.

 

REPUBBLICA  Arrivo del Tricolore

Lo spettacolare atterraggio dei paracadutisti della Brigata Folgore con il Tricolore gigante di 400 mq a chiusura della sfilata per le celebrazioni del 2 GIUGNO 2024 aperta da 300 sindaci in rappresentanza di tutta l’Italia.

 

 

 

2 GIUGNO – La “CERIMONIA del BOSSOLO” dà il via al 51° PALIO

dei TERZIERI a Città della Pieve (dal 12 al 25 agosto).

In concomitanza con la tradizionale “Benedizione dei vessilli e degli arcieri” si rivive l’antico rituale dell’elezione dei magistrati della comunità, tra le novità dell’edizione 2024 del PALIO DEI TERZIERI insieme alla serata rinascimentale in taverna.

 

bòssolo (region. bùssolo) s. m. [lat. tardo bŭxis -ĭdis, dal gr. πυξίς -ίδος, propr., in origine, «vasetto di bosso (πύξος)»; v. pisside]. – 1. Vasetto o barattolo di legno (talora anche d’altra materia), usato per votazioni o per elemosine, per contenere unguenti o profumi, nel gioco dei dadi, ecc.: quelle camere paiono un paradiso a vedere, ... e sono non meno odorifere che sieno i bossoli delle spezie della bottega vostra (Boccaccio); or l’agitar dei dadi Entro ai sonanti bossoli comincia (Parini).

www.treccani.it

 

Risale allepoca comunale lantico rituale che, come ricostruito dalle ricerche storiche di Marilena Rossi Caponeri e Maria Luisa Meo, serviva a eleggere i magistrati della comunità, cioè i priori e gli ufficiali preposti ai diversi ambiti della vita collettiva. Nel 1250 i terzieri vengono nominati per la prima volta nell’atto di sottomissione di Castel della Pieve a Perugia.

La “CERIMONIA del BOSSOLO” < sarà uno spettacolo rivolto principalmente ai pievesi per ricordare la propria storia e le proprie origini >

aveva sottolineato il presidente dell’Ente Palio, Marco Mario Marroni alla presentazione dell’evento. Poi dal 12 agosto che la città del Perugino si immergerà appieno nelle atmosfere rinascimentali.

 

Bossolo-WA0008

 

Sul sagrato della Cattedrale dei SS. Gervasio e Protasio il Podestà di Castel della Pieve Pietro Crispolti solleva il bossolo - l’urna di legno a doppia serratura dove i votanti inseriranno la loro “pallotta” con cui esprimere la scelta verso i magistrati.

 

 

Bossolo-WA0021

 

 

Bossolo-WA0025

 

All’interno della Cattedrale la Benedizione dei vessilli e degli arcieri” presenziata dall’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, Mons. Ivan Maffeis.

 

 

Bossolo-WA0030

 

 

Bossolo-WA0032

 


Sui vessilli i simboli dei tre terzieri della città, che rappresentano la suddivisione del territorio in epoca medioevale e la ripartizione in classi sociali.

Gli arcieri dei terzieri Castello, Borgo Dentro e Casalino si contenderanno il Palio domenica 25 agosto. Questanno i tre carri allegorici avranno come tema le Metamorfosi di Ovidio.


 

 

4 GIUGNO – Giornata storica per il TENNIS ITALIANO : Jannik SINNER

è il nuovo numero 1 della classifica mondiale Atp !!

Il tennista azzurro sfrutta il ritiro di Novak Djokovic al Roland Garros, complice un problema al ginocchio dopo la vittoria in cinque set contro largentino Francisco Cerundolo e lo supera nel ranking Atp.

Sinner ha appreso la notizia mentre si trovava in campo contro Grigor Dimitrov ai quarti di finale dello Slam parigino.

 

< Jannik, sei il numero 1! Sei il numero 1! > il coro levatosi allunisono

dagli spalti dello stadio Philippe-Chatrier.

 

 

Sinner-numero-uno-al-mondo

 

 

Lazzurro ha poi battuto il bulgaro in tre set, conquistando la qualificazione in semifinale.

 

 



8 GIUGNO – Inaugurazione BETWEEN GOOD AND EVIL 

 - Tra Spirito e Forma - a Torre Pellice.

 

 

 

                BETWEEN locandina

 

 

 

Collettiva di 33 artisti fino al 3 agosto allo Spazio Open ADA

 

BETWEEN Torre Pellice

 



11 --- 15 GIUGNO : 1000 MIGLIA

L’Edizione 2024 della Freccia Rossa partirà da Brescia Martedì 11 GIUGNO e passerà da Bergamo, Novara e Vercelli prima di giungere a Torino per il primo traguardo di tappa.



Torna a Torino la 1000 Miglia

Dopo un’attesa durata 76 anni, l’11 giugno la “corsa più bella del mondo” farà tappa nella città dell’auto. Un museo viaggiante di 420 vetture storiche ripercorrerà le strade sulle quali Nuvolari scrisse pagine epiche.

Passò come un baleno, nel 1948. E fu l’ultima volta che la “corsa più bella del mondo” transitò nella città dell’auto. Dopo 76 anni, l’11 giugno la 1000 Miglia, il più grande e iconico evento mondiale dedicato alle vetture storiche, raggiungerà Torino per la conclusione della sua prima tappa.

La carovana di 420 esemplari unici prodotti tra il 1927 e il 1957, accompagnata da 120 Ferrari, veicoli elettrici e da un modello a guida autonoma, arriverà da Brescia all’interno dell’Iveco Industrial Village di strada Settimo alle 18,45. Quindi il trasferimento scortato dalla polizia municipale attraverso Barriera di Milano per la passerella lungo via Roma e l’accoglienza sulla pedana che l’Automobile Club Torino allestirà in piazza San Carlo per il benvenuto finale.

La ripartenza alla volta delle Langhe, del Monferrato e quindi di Genova e Viareggio è previsto alle 5,45 del mattino successivo dal PalaVela.

 

 

                       MILLE MIGLIA

 



Il secondo giorno, il convoglio inizierà la discesa verso sud scollinando le Langhe e attraversando il centro di Acqui Terme per poi fare rotta a Genova, novità assoluta della 1000 Miglia 2024, dove gli equipaggi sosteranno per il pranzo. Continuando sulla costa tirrenica, la gara arriverà fino all’arrivo di Viareggio.

La terza tappa vedrà la discesa verso la Capitale: la corsa virerà verso l’entroterra passando da Lucca fino al break del pranzo a Castiglione della Pescaia. Nel pomeriggio l’ingresso nel Lazio con il passaggio per Marta, Viterbo e Ronciglione e la conclusione a Roma in via Veneto.

Con la quarta tappa gli equipaggi risaliranno fino a Orvieto e poi Solomeo, sede del pranzo. Dopo il break sarà il turno di Siena e Prato e dei passi della Futa e della Raticosa, che precederanno l’arrivo a San Lazzaro di Savena (Bologna).

Nella giornata finale di Sabato 15 GIUGNO il percorso toccherà Ferrara, Bovolone e VillaFranca, poi il Lago di Garda con la Valtenesi e Salò per finire con la classica passerella in Viale Venezia.

 



13 GIUGNO - Mostra fotografica e presentazione del libro

DONNE E UOMINI CON LA PASSIONE PER LA TERRA di Massimo Zambon

in Cascina Roccafranca, Torino h. 18,00

 

 

 

                             20240423 090050

 

Progetto fotografico a cura di Maurizio Mangili, Lina Campanelli, Massimo Zambon. Edizioni Langhe Roero Monferrato

Con la partecipazione di Roberto Cerrato, albese, fondatore e presidente dellassociazione Proteggere Insieme, direttore dell Associazione Paesaggi Vitivinicoli di Langhe Monferrato e Roero, presidente dell’Istituto italiano per la tutela e salvaguardia del paesaggio culturale vitivinicolo.

 



15 --- 17 GIUGNO : INFIORATA di GENZANO - 246a edizione 2024.

Artista ospite Mauro Biani - illustratore, vignettista e blogger.

 



18 GIUGNO – CENA DEI FIORI alla Taverna del Barbacane



                       INFIORATA-PIEVE

 



22-23 GIUGNO : INFIORATA di S. LUIGI GONZAGA a CITTA’ DELLA PIEVE

I contradaioli del Terziere Casalino con il coinvolgimento di tutta la città e delle scuole lavorano tutta la notte per realizzare i tappeti floreali lungo Corso Pietro Vannucci.

 

 

 

23 GIUGNO 2024 – Il JAZZ CLUB TORINO festeggia 15 anni



JAZZ CLUB TORINO

 



Il JAZZ CLUB TORINO nasce ufficialmente 15 anni fa, ma le sue

attività erano iniziate ben prima.

Il racconto di Fulvio Albano - sax tenore e co-fondatore del club - in

occasione del decennale.

< Il Jazz Club venne inaugurato il 23 giugno del 2009 con le attività di supporto (il servizio bar e quello di ristorazione) pienamente in funzione; ci fu una grande festa cui partecipò anche Piero Angela; andando a ritroso voglio ricordare però che il locale venne inizialmente aperto a gennaio 2009 come sala da concerto (ancora senza servizio bar) con Gianni Basso.

L’associazione (JCT) venne originariamente fondata da me e Gianni Basso nel 2005 con tantissimi amici,  l’idea era quella di creare un’entità per condividere la musica con il pubblico in  uno spazio fisico; il Jazz Club nacque quindi nel mio caveau in via Campana, in cui ci si trovava ogni settimana.

Passarono tantissimi musicisti nazionali e internazionali, ma soprattutto nacque una forte condivisione con il pubblico.


L’attività iniziò come evento privato ma ebbe subito successo e quindi decidemmo di presentare un progetto alla città di Torino, che venne poi approvato nel 2007; contemporaneamente presentammo la richiesta alla Unione Europea per costruire una sala da concerto, che realizzammo in 2 anni tra il 2007 e il 2009, in un angolo del parcheggio del piazzale Valdo Fusi: da quest’angolo nacque il JCT, che credo sia reputato come uno dei più bei Jazz Club italiani (e non solo!). Soprattutto è un locale nato per la musica, e la  quantità di concerti realizzati lo testimonia: la media è di 300 concerti all’anno … Ci sono stati tanti momenti bellissimi. Il mio rammarico è che Gianni Basso sia potuto venire solo nei primi mesi e non abbia potuto vedere l’opera compiuta … >

 

 

 

Gianni Basso (Asti, 24 maggio 1931 – Asti, 17 agosto 2009) è stato un sassofonista, compositore e bandleader, uno tra i massimi esponenti storici del jazz italiano.

Scomparso a 78 anni, il suo funerale nella collegiata di San Secondo ad Asti è stato caratterizzato da una jam session effettuata dai musicisti della Torino Jazz Orchestra, che è l’eredità della grande orchestra fondata dal maestro nel 1983!

 

Il caveau in via Campana di Fulvio Albano dove di fatto nacque il Jazz Club si trova in un’elegante palazzina in stile Art Nouveau che ospita la sede consolare del Vietnam a Torino. Un pezzo di Sud-est asiatico in città scoperto grazie alle eccezionali iniziative di OPEN HOUSE.

 

 

Jazz Club IMG 4568

 

 

Jazz Club IMG 4573

 

Ph. Mauro Dragoni

 

 

© Copyright Barbara Caricchi ARTIVAMENTE – Tutti i diritti riservati